DL Blog

Contro gli imperatori del web – fonti

Hans_Holbein_d._J._074

FQ Millennium, il mensile del Fatto quotidiano, nel numero di agosto ha pubblicato un mio pamphlet contro gli imperatori del web (e i corsari digitali che ingenuamente li agevolarono). Qui le fonti citate:

Lanier, Six reasons why social media is a Bummer, 2018
Montagnani, Internet, contenuti illeciti e responsabilità degli intermediari, 2018
Lessig, Free Culture: How Big Media Uses Technology and the Law to Lock Down Culture and Control Creativity, 2004
Srnicek, Platform Capitalism, 2017
Levine, Google’s Earth: how the tech giant is helping the state spy on us, 2018
BBC NEWS, Google privacy changes ‘in breach of EU law’, 2012
Cadwalladr, Google is not ‘just’ a platform. It frames, shapes and distorts how we see the world, 2016
Biondi, Il nodo pubblicità sul futuro dei social, 2018
Dance, La Forgia & Confessore, As Facebook Raised a Privacy Wall, It Carved an Opening for Tech Giants, 2018
Ansa, Facebook perde anche in appello con azienda, 2018
Roose, Facebook Is Complicated. That Shouldn’t Stop Lawmakers, 2018
Cadwalladr, ‘I created Steve Bannon’s psychological warfare tool’: meet the data war whistleblower, 2018
Hern, Breach leaves Facebook users wondering: how safe is my data?, 2018a
Facebook logs texts and calls, users find as they delete accounts, 2018b
Facebook apologises for storing draft videos users thought they had deleted, 2018c
Facebook: Washington DC sues tech giant over Cambridge Analytica data use, 2018
Frenkel, Confessore, Kang, Rosenberg & Nicas, Delay, Deny and Deflect: How Facebook’s Leaders Fought Through Crisis, 2018
O’Hagan, No one can pretend Facebook is just harmless fun any more, 2018
Lewis & Wong, Facebook employs psychologist whose firm sold data to Cambridge Analytica, 2018
Cadwalladr & Graham-Harrison, Revealed: 50 million Facebook profiles harvested for Cambridge Analytica in major data breach, 2018
Walker, Russian troll factory paid US activists to help fund protests during election, 2017
Swayne & Bennetts, Mueller charges 13 Russians with interfering in US election to help Trump, 2018
Mahdavi, Is 2019 the year you should finally quit Facebook?, 2018
Goodman & Kornbluh, How Facebook shot themselves in the foot in their Elizabeth Warren spat, 2019
Solon, ‘A grand illusion’: seven days that shattered Facebook’s facade, 2018
Curran & Hill, Perfectionism Is Increasing Over Time, 2017
Limburg, Watson, Hagger & Egan, The relationship between perfectionism and Psychopathology, 2017
Naughton, Extremism pays. That’s why Silicon Valley isn’t shutting it down, 2018
Hogan & Safi, Facebook hate speech exploded in Myanmar during Rohingya crisis, 2018
Ho, “It’s time for significant changes”: civil rights groups call for Facebook leaders to step down, 2018
Pieranni, L’inchino dello Stato-Facebook al Sultano, 2019
Hern, Third of advertisers may boycott Facebook in hate speech revolt, 2020
Liebowitz, Pitfalls in measuring the impact of file-sharing on the sound recording market, 2005
Zentner, Measuring the effect of file sharing on music purchases, 2006
Peitz & Waelbroeck, Piracy of digital products: a critical review of the economics literature, 2006
Godin, The new dynamics of book publishing, 2010
Stallmann, Reevaluating Copyright: The Public Must Prevail, 1996
Noto La Diega, Il paradigma proprietario e l’appropriazione dell’immateriale, 2014
Greenfield, Radical Technologies: The Design of Everyday Life, 2017

Questioni comiche: bibliografia

Ogni domenica, sul Fatto quotidiano, c’è la mia pagina dedicata alle questioni dell’arte comica: come farla, come analizzarla, qual è la sua funzione sociale; e il suo rapporto con le scienze, le leggi e le arti. Qui troverete le fonti citate negli articoli, puntata per puntata.

Grazie ai motori di ricerca, sul web bastano autore e titolo per rintracciare i dati completi di un libro: una bibliografia può essere semplificata.

Buona lettura!

#1

Girard, Un pericoloso equilibrio. Ipotesi sulla comicità, 2006
              La violenza e il sacro, 1972
              Menzogna romantica e verità romanzesca, 1961

#2

Berger, Redeeming Laughter, 1997
Fo, Manuale minimo dell’attore, 1987
Greimas, Semiotica. Dizionario ragionato della teoria del linguaggio, 1979
Laborit, Elogio della fuga, 1976
Rizzi, La coppia comica, il doppio perturbante, 1986

#3

Girard, Delle cose nascoste sin dalla fondazione del mondo, 1978
Douglas, Purezza e pericolo, 1966
Bettelheim, Il mondo incantato, 1975
Barthes, Miti d’oggi, 1970
Gruppo di Liegi, Retorica della poesia, 1977
                               Retorica generale, 1970
Auden, prefazione a Stewart, Sense and Inconsequence, 1972

#4

Bergson, Il riso, 1900
FreudIl motto di spirito, 1905
Grice, Logica e conversazione, 1975
Martin, Humor and Laughter, 2000
Little, Regulating Funny: Humor and Law, (2009)
McGhee, A Model of the Origins and Early Development of Incongruity-Based Humor, 1977

#5

Bourdieu, L’economia degli scambi linguistici, 1982
Bleger, Simbiosi e ambiguità, 1967

#6

Marx & Engels, L’ideologia tedesca, 1846
Pasolini, Intervista di Louis Valentin, 1970
Foucault, Soggetto e Potere, 1982

#7

Orbdlik, ‘Gallows Humor’: A Sociological Phenomenon, 1942
Banc & Dundes, First Prize: Fifteen Years!, 1986
Warneken, Der sozialkritische Witz als Forschungsproblem, 1978
Stein, The Politics of Humor: The Berlin Wall in Jokes and Graffiti, 1989
Gamm, Der Flüsterwitz im Dritten Reich, 1963
Oring, Jokes and the Discourse of Disaster, 1987
Rancière, Politics of Aesthetics: the Distribution of the Sensible, 2004
Jankélévitch, Il Puro e l’Impuro, 1960
Appel, The Annotated Lolita, 1953
Melandri, La linea e il circolo, 1968
Luporini, Leopardi progressivo, 1947
Pasolini, Conversazione con Gideon Bachman, 1974
                 Intervista di Giorgio Bocca, 1966
Buber, Il problema dell’uomo, 1943

#8

Ryzik, Buckley & Kantor, Louis C.K. Is Accused by 5 Women of Sexual Misconduct, The New York Times, 9 nov 2017
Louis C.K. Responds to Accusations: ‘These Stories Are True’, The New York Times, 10 nov 2017
Kilmartin, Being a Female Comic in Louis C.K.’s World, The New York Times, 10 nov 2017
Ryzik, Louis C.K. Performs First Stand-Up Set at Club Since Admitting to #MeToo Cases, The New York Times, 27 ago 2018
Kiefer, Louis C.K. Returns to Stand-up for the First Time Since Admitting to Sexual Misconduct, New York Magazine, 28 ago 2018
Traister, Too Much, Too Soon, New York Magazine, 28 ago 2018
Dessem, Louis C.K. Performed Stand-up Sunday for the First Time Since Admitting Sexual Misconduct, Slate, 28 ago 2018
Hess, Louis C.K. Slithers Back, Whether We’re Ready or Not, The New York Times, 30 ago 2018
Stevenson, Standup Comedians Explain Why Louis C.K.’s Return Was So Infuriating, Vice, 4 set 2018
Amatulli, Louis C.K. Performs At Comedy Cellar Again, Appears To Have Learned Nothing, Huffington Post, 1 ott 2018
Ryzik, Louis C.K. Performs Again, but Club Gives Patrons an Out, The New York Times, 2 ott 2018
Deb, Louis C.K. Turns Up at a Comedy Club, but This Time It’s No Secret, The New York Times, 30 ott 2018
Wright, We Always Knew a Louis C.K. Comeback Would Be Easy, New York Magazine, 31 ott 2018
Aswell, The Role Money Plays In Louis C.K.’s Recent Return, Forbes, 2 nov 2018
Zoller Seitz, The Real Louis C.K. Is Finally Standing Up, New York Magazine, 31 dic 2018
Pesca, It’s Like Louis C.K. Is Not Even Trying to Win Back His Audience, Slate, 4 gen 2019
DessemLouis C.K.’s Newest Fans Deserve Louis C.K.’s Newest Special, Slate, 6 apr 2020

#9

Little Britain pulled from iPlayer and Netflix because ‘times have changed’, BBC News, 9 giu 2020
Nicholson, How Did It Take This Long To Put ‘Little Britain’ In The Bin?, Esquire, 11 giu 2020
Sandhu, Why blackface is offensive: the history of the racist comedy trope after Little Britain removed from BBC iPlayer and Netflix, iNews, 12 giu 2020
Marshall, Blackface on British TV Finally Faces a Reckoning, New York Times, 12 giu 2020
Blackall, David Walliams and Matt Lucas apologise for Little Britain blackface, The Guardian, 14 giu 2020
Ivie, Netflix Removes Several British Sketch Shows Over Blackface, New York Magazine, 14 giu 2020
Clark, How the History of Blackface Is Rooted in Racism, History, 15 feb 2019
Howard, The problem with blackface, The Conversation, 11 giu 2018
Harrison, ‘Little Britain’ Has Not Aged Very Well, Vice, 10 feb 2018

#10

Nabokov, Un mondo sinistro, 1947
Lehne & Koelsch, Toward a general psychological model of tension and suspense, 2015
Ramachandran, The neurology and evolution of humor, laughter, and smiling: the false alarm theory, 1998
Martin, Born Standing Up, 2007

#11

Salmon, Teoria della traduzione, 2018
Bloch, A well-disposed social anthropologist’s problems with memes, 2000
Borges, Altre inquisizioni, 1952
Catford, A linguistic theory of translation: an essay in applied linguistics, 1969
Nida, Toward a Science of Translating, 1964
Schleiermacher, Sui diversi modi del tradurre, 1813
Von Humboldt, Introduzione alla traduzione dell’Agamennone di Eschilo, 1816
Lotman, La struttura del testo poetico, 1970

#12

Iaia, Analysing English as a Lingua Franca in Video Games, 2016
Caimotto, Transcreare un nuovo tipo di umorismo: il caso di Daniele Luttazzi, 2014
Charensol & Régent, René Clair, 1952

#13

Edelman & Tononi, A Universe of Consciousness, 2000

#14

Neisser, Cognitive Psychology, 1967

#15

Hickok, The Myth of Mirror Neurons, 2014
Fo, Manuale minimo dell’attore, 1987
Melandri, Contro il simbolico, 1989
Brandi, Celso, o della poesia, 1957
Fernandez, Museo del romanzo della Eterna, 1967
Kafka, La metamorfosi, 1915
Woody Allen, Senza piume, 1975
Melandri, La linea e il circolo, 1968
Koestler, The Act of Creation, 1964
Perelman & Olbrechts-Tyteca, Trattato dell’argomentazione, 1958
Gruppo di Liegi, Retorica generale, 1970

#16

Gruppo di Liegi, Retorica generale, 1970

Come ti abortisco il pupo (noterelle per una storia della Rai)

Lo scorso gennaio, in conferenza stampa, il neo-direttore di RaiDue Carlo Freccero esprime il desiderio di avere un mio programma nel suo nuovo palinsesto. La notizia è accolta dall’ovazione, con applausi, delle giornaliste presenti (qui a 0:14″). Il giorno dopo, tutti i giornali titolano sul mio probabile ritorno in Rai, a 18 anni dalla chiusura di Satyricon.

Immediata la contraerea. Fra i dispiaciuti si segnala l’Huffington Post con l’articolo jettatorio “Perché Luttazzi se tornasse in Rai farebbe flop”.

Ad aprile vengo convocato da Freccero. Torno dalla Spagna e mi presento in Rai con il mio avvocato. Oltre al direttore e al suo staff (Di Iorio, Cappa), ci sono due manager della Ballandi, la produzione esterna chiamata da Freccero e a me gradita (era quella di Satyricon). Freccero esordisce esprimendo la sua esigenza di “controllo editoriale”, perché non vuole rischi (e qui fa il gesto delle manette). Allora gli ricordo due cose:

1) sedici anni di processi vinti dimostrano abbondantemente che faccio satira secondo i criteri stabiliti dalla legge (satira continente e non diffamatoria);

2) definirmi “rischioso” significa essere complice del bullismo di chi mi fece cause pretestuose per tapparmi la bocca. Inoltre è un’apologia del conformismo.

Poiché controllare la satira è una forma di censura, propongo una soluzione che salvaguardi il diritto Rai di decidere cosa trasmettere, e il mio diritto costituzionale di fare la satira che voglio: consegnerò la registrazione della puntata il giorno prima della messa in onda, Freccero potrà decidere quali parti tagliare, e al loro posto metterò un riquadro nero con la scritta “materiale satirico giudicato non idoneo alla messa in onda”. Freccero guarda i suoi e sorride: l’ostacolo è rimosso. Mi chiede di parlargli del programma. Spiego che sarà un talk-show con ospiti, come Satyricon, e novità nei vari comparti, fra cui una ventina di nuove rubriche. Gli mostro la scenografia del programma: gli piace. Gli dico il titolo del programma: ne è entusiasta. L’incontro finisce, Freccero esprime la sua contentezza perché il programma c’è. Non faccio in tempo ad arrivare a casa, che l’agenzia AGI dà la notizia dell’incontro, con un’intervista a Freccero ricca di dettagli.

A maggio, Freccero sollecita un nuovo rendez-vous. Ci incontriamo nello studio del mio avvocato. Sono presenti il vice Di Iorio e un altro vice, Lavatore, un funzionario di lungo corso che Freccero presenta come “la Rai”. Freccero ribadisce la sua esigenza di “controllo editoriale”. Espongo a Lavatore, assente ad aprile, la mia soluzione dello schermo nero con didascalia. Lavatore sostiene che non è possibile: quando accidentalmente fu trasmesso un nero per 30 secondi, i responsabili vennero multati. Gli faccio presente che questo non sarebbe un nero accidentale, ma satirico: la censura deve essere vista, quando c’è. Allora Lavatore propone che la durata del nero non sia pari alla durata del materiale rimosso, ma sufficiente a far leggere la scritta. Freccero aggiunge che la scritta potrebbe contenere anche un’informazione sul tema del materiale rimosso. Va bene. Freccero aggiunge: “Comunque, sono preoccupazioni eccessive. Ti ho forse mai censurato a Satyricon?” Rispondo: “No, ma poi per 16 anni mi sono trovato la Rai come controparte nei processi.” Freccero annuisce. Gli suggerisco di guardarsi il mio monologo a Raiperunanotte, per avere un’idea di quello che farò. Freccero: “Se mi dici che quello è la matrice, lo farò senz’altro. Ottima indicazione.” A questo punto, Lavatore introduce due novità: la produzione sarà interna (Rai), non più esterna (Ballandi); e il programma si registrerà a Torino, perché a Roma gli studi Rai sono tutti occupati. Sottolineo che si tratta di un talk-show con ospiti, e gli ospiti gravitano su Milano e Roma. Freccero si impegna a trovare uno studio Rai a Roma. Non resta che un tema: il conquibus. La Ballandi, per preparare il preventivo da presentare alla Rai, mi aveva chiesto un’indicazione sul compenso, e il mio avvocato aveva inviato una e-mail con una somma (riguardante quattro voci: conduzione, testi, format e diritto d’immagine) che corrispondeva al mio compenso di dodici anni fa a La7. Freccero sostiene di non saperne niente. Il mio avvocato dà a Lavatore e a Freccero una fotocopia della e-mail inviata alla Ballandi. Lavatore dice subito che la cifra è eccessiva, e che non ha mai visto compensi così in Rai. Allora chiedo quale proposta economica mi faccia la Rai. Lavatore e Freccero dicono che non è competenza loro, c’è un ufficio preposto. (A voi vi ha chiamato, l’ufficio preposto? A me no. Chissà chi lo attiva, l’ufficio preposto.)

Passato qualche giorno, i contenuti di quella e-mail (una cifra che non è mai stata oggetto di trattativa con la Rai, e che era il mio compenso a La7 dodici anni fa) sono pubblicati da Repubblica, in un articolo secondo cui il mio rientro in Rai si fa difficile a causa della mia “richiesta economica eccessiva”. Il tutto utilizzando il solito condizionale paraculo (“Luttazzi avrebbe chiesto”). Chissà chi l’ha passata, quella e-mail, a Repubblica.

Il giorno dopo, Repubblica svela che Fiorello chiede la stessa cifra per il suo rientro in Rai, e Fiorello s’incazza. Repubblica concede a Fiorello un’intervista esplicativa a tutta pagina (in nuce: “la tv è come il calcio: i più bravi vengono pagati molto, smettetela di invidiare chi guadagna tanto e ci paga fior di tasse.”)

La settimana seguente, la Rai sposta il talk-show di Fazio su RaiDue.

A metà giugno apprendo dai giornali una notizia dall’ultimo CDA Rai: “Luttazzi, salvo imprevisti clamorosi, sarà out dal prossimo palinsesto”.

Ieri, alla presentazione della prossima stagione, Freccero dichiara che le trattative con me si sono interrotte per tre motivi:

1) “Il poco tempo a disposizione, in quattro-cinque mesi non si possono fare miracoli” (Miracoli? A maggio già si poteva concludere l’accordo, se davvero avessero voluto);

2) “La richiesta economica elevata” (Lo ripeto per i finti tonti: NON C’E’ STATA ALCUNA TRATTATIVA ECONOMICA CON LA RAI);

3) ”La satira di Luttazzi si basa su potere e sesso, che mi stanno bene, e sulla religione: in questa epoca pre-moderna ho ritenuto che quest’ultimo fosse un tema troppo difficile da affrontare” (Oooh, ecco il vero motivo; e in ogni epoca, anche premoderna, questa si chiama censura. Come se la religione non fosse potere e sesso…)

Riassumendo: prima si fanno belli per mesi annunciando il rientro del pupo (“fine dell’editto bulgaro!”), poi, quando è evidente che il pupo mostrerà ogni censura, abortiscono il pupo cercando di dare la colpa a lui (la “richiesta economica elevata”), con certa stampa ben felice di porgere l’attaccapanni in fil di ferro.

Direi che tutto torna. In una intervista di qualche settimana fa, Freccero si è divertito a spiegare che, a differenza di Debord, lui usa il situazionismo in favore dello spettacolo, non contro di esso. S’è fatto reazionario. Si professa addirittura sovranista (cioè fascista 2.0, come la Le Pen, quella che va a braccetto con Salvini). Non mi resta che affidare all’icasticità di un gesto l’espressione del mio giudizio in merito.

Complimenti a tutti. (Non lo dico io, lo dice l’ufficio preposto.)

E ora lasciatemi trarre dalle budella la seguente conclusione: il mondo è pieno di opportunisti che pascolano beati all’ombra di una qualche organizzazione (politica, sociale, religiosa). A questo tipo umano, la satira risulta sempre fastidiosa, come il sole a picco. Davvero la religione, di questi tempi, è un tema troppo difficile da affrontare?

L’improvvisa tenerezza
della glicine fiorita
questa notte è risalita
sul cancello e sulle mura
dell’antico monastero
delle suore di clausura.

Quanto sole nel giardino
silenzioso del convento
secolare! Non so più dimenticare
suora Clara che somiglia
in un modo impressionante
a una bionda che ho incontrato
nel vagone ristorante
Barcellona-Ventimiglia.

Vorrei proprio diventare
un rosario che si sgrani
nelle vostre fredde mani
al barbaglio dell’altare,
suora Clara, religiosa
di rinuncia e di preghiera,
monachina dolorosa
dagli zigomi di cera.
E fantastico languori
d’un convento tutto bianco
rifiorito d’ostensori.

E non sogno che una chiesa
piccolina, tutta accesa
di ricami, tra le mura
dell’antico monastero
delle suore di clausura.

§

Supplemento (11 luglio 2019): oggi il Fatto quotidiano pubblica alcuni brani di questo post. La replica di Freccero: “Che cattiveria.” Cioè, prima intrafottono la trattativa cercando di dare la colpa a me, poi però il cattivo sono io. What a Wonderful World.

Come piccolo contributo al miglioramento del giornalismo italiano, vorrei far notare, inoltre, una pecca che pare endemica: l’occhiello mi attribuisce, con un virgolettato, una frase che non ho mai detto: “Freccero pretendeva di controllare la satira.” Come spiego nell’articolo, un direttore di Rete ha tutto il diritto (e il dovere) di controllare quello che manda in onda. La mia soluzione (schermo nero con didascalia al posto dei brani censurati) lasciava sia a lui che a me le rispettive libertà costituzionali. Il valore della satira è nel suo antagonismo: mentre ci fa ridere, ci offre la possibilità di ripensare alla nostra relazione con il mondo e con gli altri. Per questo motivo la satira dev’essere libera, o non è satira.

Supplemento 2 (31 dicembre 2019): su tvblog, Freccero torna a maramaldeggiare sulla vicenda ripetendo la bufala sul compenso “eccessivo” che definisce “imposto”. Ripeto: nessuno ha imposto nulla alla Rai perché non ci fu alcuna trattativa economica; ed è ridicolo sostenere che un artista possa “imporre” un cachet alla Rai;

Freccero oggi dimentica la motivazione vera da lui espressa ai palinsesti Rai di luglio (mi cassava perché non voleva la mia satira sulla religione);

Freccero oggi dimentica la soluzione che avevo proposto (poteva tagliare in anteprima tutto quello che voleva, ma io avrei mostrato con uno schermo nero dove Freccero avrebbe censurato i miei contenuti: i paraculi vogliono censurare, ma senza che si sappia in giro);

in più, Freccero oggi aggiunge una spiegazione cervellotica, reazionaria e diffamatoria: “Se mandassi in onda Luttazzi in questo contesto e alle condizioni economiche da lui imposte, i commenti il giorno successivo sarebbero più o meno del tenore: “Chi è questo Luttazzi, pagato come una superstar per insultare il pubblico con i suoi commenti “politicamente scorretti”?”  Il “politicamente scorretto” di Luttazzi non sarebbe valutato come espressione di libertà, ma come “turpiloquio inconcepibile in una Rete pubblica”. Ancora più scandalo farebbe il suo compenso completamente al di fuori delle leggi di mercato.” 

Freccero, diffamandomi, attribuisce al pubblico ipotetiche reazioni negative su di me. Il pubblico, però, a causa della CENSURA PREVENTIVA di Freccero, non ha potuto avere alcuna reazione alla mia satira: chissà, magari, se fossi andato in onda, il pubblico ne sarebbe stato entusiasta (come del resto confermano i dati di ascolto di ogni mio programma e di ogni mia incursione in tv, un fatto che non ricorda mai nessuno, perché renderebbe lampante il tratto puramente ideologico della censura televisiva che subisco da quasi 20 anni) (mentre con la mano descrivo una spirale in aria per esprimere l’esagerazione).

Non pago, Freccero subito dopo rincara la dose diffamatoria, attribuendo al pubblico addirittura una valutazione di “turpiloquio” rispetto alla mia satira mai andata in onda.

Non credevo si potesse fare peggio dell’editto bulgaro. C’è riuscito Freccero.

E adesso basta, ho il dito medio stanchissimo.